Vitruvio e Leonardo. Le proporzioni nel corpo umano.

Pubblicato il Pubblicato in UDA interdisciplinare

Nel retro della moneta da 1 euro è riprodotto un disegno, eseguito ( fatto) nel 1490 circa, da Leonardo Da Vinci, (1452-1519 ) il famosissimo artista-scienziato del Rinascimento: L’uomo vitruviano “, che raffigura l’Uomo rinascimentale, centro dell’universo e misura di tutte le cose, le cui forme si inscrivono (sono disegnate dentro) perfettamente nel cerchio e nel quadrato.

1euro

Nel Libro Terzo del trattato De architectura, Vitruvio descrive le misure ideali ( un ideale è un qualcosa che tende alla perfezione, senza difetti) del volto e del corpo umano. Vitruvio così scrive: Il centro naturale del corpo umano è l’ombelico; infatti, se una persona si distendesse a terra supina ( sdraiata per terra) a braccia e gambe divaricate ( aperte), puntando il compasso sull’ombelico e tracciando una circonferenza, questa toccherebbe entrambe le estremità dei piedi e delle mani. Nondimeno(inoltre), com’è possibile inscrivere il corpo in una circonferenza così se ne può ricavare un quadrato; misurando la distanza dai piedi alla sommità del capo (il punto più alto della testa) e riportandola a quella che intercorre (si misura) tra un estremo e l’altro delle braccia aperte si costaterà (si verificherà, si vedrà) che le misure in altezza e larghezza coincidono come nel quadrato tracciato a squadra.”

segue Vitruvio